Etapcharterlease.com

Prevenzione di estinzione

Prevenzione di estinzione

Guida di altre specie all'estinzione è stato uno sfortunato effetto collaterale di successo evolutivo dell'umanità. Molti governi, agenzie e privati stanno lavorando duramente per cercare di salvare gli organismi minacciati. L'estinzione è un naturale processo evolutivo, ma gli scienziati stimano che, al ritmo attuale, solo la metà di tutte le specie esistenti rimarranno entro il 2100. Gli ambientalisti sono preservare gli habitat, proteggendo e allevamento di piante e animali in via d'estinzione e lavorando con i governi e le industrie per migliorare la legislazione e il divieto di pratiche dannose per la fauna selvatica.

Conservazione degli habitat

Molte specie si sono estinte o sono in via di estinzione a causa della perdita dell'habitat. Tutta la vita si evolve per sopravvivere all'interno del suo habitat, spesso basandosi su relazioni complesse con altri organismi locali. Gli esseri umani abbattendo le foreste per l'agricoltura, drenante fiumi o estuari, espandendo le loro zone di abitazione e inquinare l'ambiente, tutti minacciano specie locali. Per evitare l'estinzione, ambientalisti lavorano per preservare gli habitat da degrado e sfruttamento come questo è più efficace che cercare di proteggere le singole specie. Conservazione degli habitat di solito comporta che vieta l'uso umano di una zona, che può includere la prevenzione della voce.

Programmi di allevamento

Estinzione di alcune delle specie più rare del mondo ora è impedito solo da zoo e acquario programmi di allevamento. Alcuni animali, come l'orice scimitarra-cornuto, non esistono più allo stato brado. Così come allevamento specie altamente minacciate, giardini zoologici lavorano per reintrodurre la specie ai loro habitat ex, sostenere le comunità locali, raccogliere fondi per la ricerca e sensibilizzare l'opinione pubblica. Specie che attualmente vengono portati indietro dal baratro dell'estinzione sono il gambero di fiume bianco-artigliata, un nativo britannico fino al 5% della sua popolazione ex allo stato brado; il pollo di montagna, una rana grande, gravemente minacciate di estinzione; e il Cyprinodontidae Potosi, che ora esiste solo in acquari.

Legislazione

Molti atti legislativi a livello nazionale e globale sono progettati per aiutare a prevenire l'estinzione di specie. Nel Regno Unito, la fauna selvatica e la campagna di legge del 1981, modificato nel 1985, protegge piante, uccelli e animali selvatici e vieta l'introduzione di specie alloctone. Permette anche la creazione di riserve protette per uccelli e vita marina. CITES - Convention on International Trade in Endangered Species of Wild Fauna e Flora - tutela di specie animali e vegetali in via di estinzione, si applica in tutto il mondo. In Europa e in alcune zone dell'Africa, la convenzione di Berna relativa alla conservazione della vita selvatica e degli habitat naturali protegge la fauna selvatica e degli habitat della fauna selvatica. Il Regno Unito è partito a questa legislazione.

Altri metodi

Conservazione degli habitat o piccole, restanti gruppi di individui a volte non è sufficiente per evitare l'estinzione. Alcuni organismi minacciate dalle attività umane possono essere salvati solo vietando pratiche dannose. Albatri hanno tratto beneficio dal lavoro intrapreso per frenare la pesca con palangari, e vietare il diclofenac del farmaco veterinario ha aiutato gli avvoltoi popolazioni in India cominciano a riprendersi. Tecnologie genetiche offrono anche la speranza di contribuire a riportare la recente o specie quasi estinta indietro dal baratro, attraverso la clonazione. Nel 2009, gli scienziati hanno clonato un stambecco dei Pirenei da pelle raccolto poco prima della sua morte. Era l'ultimo membro vivente conosciuto della sua specie. Anche se era nato un clone dal vivo, è morto presto dopo la nascita.