Etapcharterlease.com

Come comunicazione verbale & linguaggio del corpo è sensibile alle diverse culture

Come comunicazione verbale & linguaggio del corpo è sensibile alle diverse culture

Comunicazione verbale e non verbale variano ampiamente da cultura a cultura. Qualcosa che si sente positivo a un americano, come contatto visivo o l'offerta di un gesto di mano incoraggiante, potrebbe essere preso in un modo completamente diverso in un paese diverso. Tono, volume e ritmo di discorso anche di assumere forme diverse per persone diverse.

Mani

Gli americani tradizionalmente salutano agitando le mani. Una forte stretta di mano è considerata una cosa positiva. In molte culture asiatiche e africane, un saluto senza contatto è preferito, ad esempio un arco o riunire entrambe le mani davanti a voi, come se nella preghiera. Gli asiatici e quelli dal Medio Oriente preferiscono una stretta di mano morbida la tradizionale saldamente l'americano. Il segno della mano-'OK' (pollice al dito indice) è un positivo in America e un insulto in molti paesi europei.

Occhi

In America, è un segno di rispetto e onestà diretto contatto visivo con tutti. In Asia, è considerato scortese fare quel tipo di contatto con gli occhi a quelle autorità o di uno degli anziani. Gli occidentali considerano emozioni facciali per essere una buona cosa. In Oriente, un sorriso potrebbe non indicare la felicità. Può essere un segnale che è stato frainteso o per nascondere l'imbarazzo.

Verbale

Persone provenienti da paesi anglosassoni aspettare il loro turno di parlare se hanno stato insegnato le buone maniere. Interruzione è considerato maleducato. In molte culture latine interrompere non è scortese ed è previsto. Culture asiatiche prendono spesso la regola di aspettare-your-Disabilita agli estremi, dando una pausa prima di rispondere. Tono e il volume differiscono anche tra le culture. Gli americani, per esempio, di solito parlano con un tono basso e solo alzare le loro voci in rabbia o eccitazione, mentre i portoghesi parlano in piazzole superiore e volumi durante la normale conversazione.